Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2012

Mobility Management

In quei contesti pubblici e privati finalmente obbligati a dar conto del controllo dei costi energetici (diretti e indiretti), dei costi di gestione e dei servizi di mobilità, quali ad esempio, la flotta veicoloi aziendali, muletti o addirittura biciclette e costi afferenti al loro utilizzo e alla misura dell’efficacia – o produttività, oggi si delinea una fifura professionale dedicata: il mobility manager.

Egli ha facoltà di stimare, proporre o prevedere e quindi coordinare interventi importanti almeno sul fronte delle azioni volte al contenimento dei costi di movimento di cose e sopratutto persone, sia nell’ambito interno alla strauttura cje per accedere ad essa e fornire strumenti -auto, bus, scooter, bici,… – ai dipendenti anche per spostamenti ad uso promiscuo (privato e aziendale)

Il mobility manager é a pieno diritto collettore di opportunità di abbattimento o riduzione di flussi di costi di mobilità.

E’ una figura professionale di estrazione tecnica più che amministrativa e -di norma – riferisce alla Direzione Generale.

Dal punto di vista normativo, la giurisprudenza é ancora minima.

Il decreto interministeriale Mobilità sostenibile nelle aree urbane del 27/03/1998, ha introdotto la figura professionale del responsabile della mobilità. Gli enti pubblici con più di 300 dipendenti per unità locale e le imprese con complessivamente oltre 800 dipendenti, devono individuare un responsabile della mobilità del personale.

Nell’ambito del decreto si delineano due figure professionali:

  • mobility manager di azienda;
  • mobility manager di area.  Il mobility manager di area orienta, supporta e coordina i mobility manager aziendali. L’ufficio del mobility manager di area è solitamente ubicato presso l’ufficio Traffico dell’Ente locale che lo ha nominato (Comune o Provincia). Un mobility manager di area opera per migliorare la mobilità su tutto il territorio di propria competenza, lavora con tutte le strutture preposte al traffico e ai trasporti e collabora con le aziende di trasporto locale, monitora gli effetti delle misure adottate dai singoli responsabili aziendali e coordina l’esecuzione dei Piani spostamento casa-lavoro (PSCL) di Enti e aziende (obbligo di legge per tutte le società con più di 300 dipendenti che sono obbligate a nominare il mobility manager aziendale).
Annunci

Read Full Post »